Giovani scienziati che vogliono salvare il pianeta

All’interno della cornice del progetto europeo SPEM – School Plastic FreE Movement nasce il nuovo concorso intitolato “Giovani scienziati che vogliono salvare il pianeta”.

Scopri nel dettaglio l’iniziativa!

Obiettivi

1.Educare i bambini ad evitare il più possibile l'uso della plastica 
2.Sviluppare la creatività per trovare soluzioni all'inquinamento

3.Coinvolgere le famiglie a cambiare le loro abitudini e a non usare più la plastica.
4.Creare un movimento di scuole impegnate per il cambiamento sociale volto al rispetto ambientale.

Quando

Il concorso inizia il 1° marzo 2023 e termina il 31 marzo 2024

A chi si rivolge

Ci saranno 3 categorie di studenti che potranno partecipare al concorso.
Non ci sono limiti al numero di team che possono partecipare per ogni scuola

dai  5 ai 7 anni
dagli 8 ai 10 anni
dai 10 ai 13 anni

Cosa fanno i ragazzi

Gli alunni - i veri protagonisti del concorso - devono presentare il loro progetto ecologico su come salvare il pianeta in modo originale.


Cosa viene valutato

Si valuteranno:

-le idee più creative, concrete ed efficaci per salvare il pianeta

-inventiva dei bambini

-l'inclusione e la coesione del team

-l'impatto dell'idea sull'ambiente

-funzionalità dell'invenzione

-

Cosa fanno i docenti

Raccolgono materiali e risorse utilizzate per introdurre la tematica ai bambini e ai ragazzi.

Supportano i bambini (senza sostituirsi a loro) nella raccolta di disegni, foto, video o registrazioni di attività

Per maggiori informazioni clicca qui sotto

Se siete interessati a partecipare a questa iniziativa avete tempo fino al 31 marzo 2023 e potete iscrivervi  cliccando qui sotto  ( insegnanti iscrivono i team )


Discover more from Erasmus+ Project KA3 – Support for Policy Reform 21506-EPP-1-2020-1-IT-EPPKA3-IPI-SOC-IN

Subscribe to get the latest posts to your email.

Discover more from Erasmus+ Project KA3 – Support for Policy Reform 21506-EPP-1-2020-1-IT-EPPKA3-IPI-SOC-IN

Subscribe now to keep reading and get access to the full archive.

Continue reading